TABULAXFABULA   

dal 2 al 23 Giugno 2018

Museolaboratorio Ex Manifattura Tabacchi

Vernissage: Sabato 2 Giugno 2018 ore 18:30

orari di apertura
da Mercoledì a Domenica
dalle ore 18:00 alle 21:00

                                         

artista
Fabio Di Lizio

a cura di
Enzo De Leonibus

Si tratta di lavori, recenti e non, tecnicamente eterogenei, che ci rimandano a quelle scoperte senza pura intenzionalità con sintonizzazioni affettive nei confronti dell’ambiente circostante, a quelle proto-esperienze rivolte alla proprietà elementari, ma alquanto significative dal punto di vista estetico, degli oggetti-cose di fronte a noi, al piacere della ripetizione e della variazione che insieme generano attese e anticipazioni circa il da farsi, il da esserci.

All’infanzia, a quella stupefacente favola dove ogni cosa sta al suo posto come anche no, e ciò non fa problema, anzi. Tornare a quei segni che hanno scavato, inciso, forgiato, impresso, e rinascere, di nuovo e di continuo, attraverso quelle immagini che ci rapiscono come in un sentimento d’intensificazione della nostra vita e di ben-essere nella trama di relazioni con il commercio del mondo e con gli altri che ne fanno parte. Alla chiusura della mostra sarà presentato il catalogo, con un testo critico di Domenico Spinosa.

Fabio Di Lizio nasce a Ortona, dove vive ed opera. Attualmente è docente di Grafica d’Arte – Tecniche dell’Incisione presso l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila.

Consegue il diploma di primo livello nel 2006, presso l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila, nel corso di Grafica e Progettazione, con una tesi in calcografia sotto la supervisione dei docenti Valter Battiloro e Lorenzo Bruno, e realizza un’edizione di numero trenta cartelle contenenti quattro incisioni sotto il patrocinio dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila. È ammesso alla frequenza di un corso superiore presso l’Istituto Nazionale per la Grafica, tenutosi nei locali della Calcografia di Stato a Roma. Selezionato alla “Biennale Internazionale di Grafica”, Francavilla a Mare, 2006. Vince la 3ª Biennale dell’Illustrazione “Renzo C, Ventura. Tra Secessione e Deco” per la migliore tecnica, Comune di Colmurano, Macerata, 2006. Partecipa alla 4ª Biennal Internacional d’Art.Gràfic.S.Carles de la Ràpita, Spagna, 2006. Inserito nel REPERTORIO DEGLI INCISORI ITALIANI, Gabinetto Stampe Antiche e Moderne del Comune di Bagnacavallo, 2004\2007.
Si ringrazia: Domenico Spinosa, Ruperto Polleggioni

LESSIE NON TORNA A CASA. Domani è un altro giorno

dal 2 al 23 Giugno 2018

Museolaboratorio Ex Manifattura Tabacchi

Vernissage: Sabato 2 Giugno 2018 ore 18:30

orari di apertura
da Mercoledì a Domenica
dalle ore 18:00 alle 21:00

LESSIE NON TORNA A CASA.
Domani è un altro giorno

artista
Carlo Nannicola

a cura di
Maurizio Coccia

Si tratta di un corpus di opere tecnicamente eterogenee, ma accomunate da una critica feroce a quella sorta di “immaginario dell’orrore” che dilaga nei media popolari. Come un novello Hogarth, moralista senza la presunzione di educare, Nannicola allestisce una sfrenata e colorata sarabanda gremita di atomiche in rosa, avvistamenti alieni nei cieli quattrocenteschi, carte da parati di indubbio gusto militare. Tra stampe 3D e installazioni sonore, sculture ammiccanti e titoli satirici, Nannicola rielabora l’eredità Pop aggiornandola al gusto – e alle nevrosi – della comunicazione ai tempi del Web. Tuttavia, anche se sembra prevalere lo sguardo edonistico dell’irrisione e dello sberleffo, la mostra si conclude invece con un austero e pudico omaggio alla straziata città dell’artista. Alla chiusura della mostra sarà presentato il catalogo, pubblicato da ARTE Edizioni, con testi di Maurizio Coccia e Teresa Macrì.

Carlo Nannicola nasce a L’Aquila, dove vive ed opera, nel 1981.

Ha studiato “Grafica d’arte e progettazione” all’Accademia di Belle Arti dell’Aquila. Si è diplomato nel 2006. Nel 2009 ha completato gli studi discutendo la tesi di specializzazione in Grafica d’Arte.
Attualmente è docente di Grafica d’Arte – Tecniche dell’Incisione presso l’Accademia di Belle Ari dell’Aquila.
Nel 2008, vince il premio “Pagine Bianche d’Autore” come artista per la regione Abruzzo.
Durante la sua formazione, in molteplici opportunità, ha avuto modo di confrontarsi sia con linguaggi tradizionali, sia con gli strumenti dei nuovi media, insegnamenti, questi, che hanno alimentato l’ibridazione di tecniche espressive innovative e originali che trovano ampia applicazione nel suo fare artistico.
I preminenti canali d’espressione utilizzati nell’ambito della creatività digitale sono la net / web art e il sub advertising. La sua ricerca, dall’accentuata caratterizzazione interdisciplinare, si avvale dell’apporto di differenti linguaggi: dalla grafica al video, dalla performance ai Nuovi Media.
A ridosso della tragedia aquilana (2009) avvia il work in progress “Greetings from L’Aquila”, una raccolta di meta-testimonianze del post-sisma destinate alla pubblicazione e condivisione tramite web 2.0, nonché degli altri Nuovi Media nel frattempo affermatisi.
La sua ricerca, quindi, nasce da quella realtà, definita dai mass media, che “accompagna” l’individuo nel quotidiano trascorrere del tempo.

Si ringrazia: Teresa Macrì, Pierfrancesco Giordano